Presentazione panettone “limited edition” dello chef stellato Gennaro Esposito

Lo chef stellato Gennaro Esposito ha presentato il suo panettone artigianale  in edizione limitata, nel corso dell’evento “Christmas together”, targato Smartbox,   che ha visto impegnati, con le mani in pasta,  in una divertente masterclass,  personaggi noti  italiani del digital:  I Soldi Spicci, Giulia Valentina, Stefano Guerrera, Monir masterchefit10 e Sara Cookissbakery, che hanno raccontato  a modo loro l’esperienza.
> A colpi di scorzette di mandarino e pezzettini di ottimo cioccolato, il panettone, ideato per questo Natale dallo chef campano e dal suo  pastry chef Carmine Di Donna, si è aggiudicato un posto di spicco tra i protagonisti  Smartbox, leader dei cofanetti esperienziali. Per l’occasione, il panettone in limited edition firmato Esposito, diventa così un souvenir-regalo  tutto da gustare.
“L’idea di organizzare un evento del genere – ha affermato Esposito – è nata certamente dal bisogno di una riconquista di normalità. Ho scelto il panettone, perché rimanda inevitabilmente all’idea di famiglia e di condivisione, temi per me fondamentali insieme al forte desiderio di promuovere il mio territorio, portandolo, così, in giro lungo tutto lo Stivale, abbattendo i confini.
Quando mi è stato proposto di insegnare degli esperti del digital come fare il panettone – continua lo chef – mi ha fatto molto piacere. Immaginare poi che questo incontro potesse arrivare, tramite la  diretta social curata da Masterchedo, in tutta Italia in tempo reale, e l’aver ricevuto tante domande e like,  mi ha fatto capire che è questa la modernità che fa bene al passato. L’incontro tra tradizione e contemporaneità è anche questo”.
Esperienza e condivisione, ma anche tanta allegria, le parole chiave dell’iniziativa, che ha visto approdare per la golosa masterclass, gli ospiti, prima al ristorante del noto chef stellato  e poi al suo  laboratorio. Due ore di energica attività culinaria, tra battute e curiosità, ma anche tra divertenti ed involontarie gag di poca manualità  hanno accompagnato questa esperienza che, ha certamente avvicinato i diversi approcci di comunicazione, di carattere, stile e abitudine, sotto una grande regia, quella  del maestro Esposito, che con la parola d’ordine “amore per la cucina” e il simbolo must  del Natale,  ha dato il via al mese più magico dell’anno.