Napoli-Spezia, le pagelle del match

Vittoria fondamentale per il Napoli, che dopo il pareggio con il Lecce rischiava di perdere altri 2 punti per strada in una partita casalinga più che abbordabile: ci ha pensato Jack Raspadori al minuto 89 a regalare una gioia a Spalletti e compagni.

MERET 6 – Devìa bene in angolo una conclusione di Gyasi, per il resto inoperoso durante l’arco del match.

DI LORENZO 5.5 – Inizio di stagione stranamente sottotono per il capitano azzurro, che anche quest’oggi cestina diverse buone opportunità in fase di rifinitura sulla fascia. In difesa pochi pericoli.

RRAHMANI 6 – Partita lucida, non soffre mai la pressoché nulla spinta avversaria.

JUAN JESUS 6 – Vince ampiamente il duello fisico con Nzola, molto pulito in chiusura.

MARIO RUI 6 – Buoni spunti per il portoghese, che serve diversi palloni interessanti ai compagni sbagliandone pochi.

ANGUISSA 5.5 – Un po’ troppo compassato oggi l’ex Fulham, apparso stanco dopo le fatiche dell’eroica notte di Champions (dal 57′ ZIELINSKI 6.5 – Il polacco conferma l’ottima partenza entrando subito in partita. Propositivo e dinamico su tutta la trequarti avversaria).

NDOMBELE 5 – Ancora una volta solo 45 minuti per lui, ancora una volta da dimenticare. Fuori condizione (dal 46′ LOBOTKA 6.5 – Si è perso il conto di quante volte è stato detto che sia fondamentale per questo Napoli).

ELMAS 5 – Si ostina costantemente a fare tutto da solo per decidere la partita, quando basterebbe cercare un po’ di più il dialogo con i compagni per risultare determinante, viste le indiscutibili potenzialità (dal 75′ GAETANO 6 – Si fa notare subito con un paio di conclusioni dalla distanza. Decisivo nel “velo” – più un liscio abbastanza goffo a dirla tutta – che libera al tiro Raspadori).

POLITANO 6 – Prova senza successo a cercare lo spunto vincente. Buono il dialogo con la catena di destra (dal 57′ LOZANO 6 – Sarebbe stata un’insufficienza piena, ma il suo contributo nell’azione del gol è stato decisivo).

RASPADORI 6.5 – Discorso simile a quello fatto per Lozano. Non gioca una buonissima gara dal punto di vista delle scelte, ma il gol da 3 punti è di straordinaria importanza. Suda la maglia per 90 minuti, anche se a volte risulta impreciso e frettoloso.

KVARATSKHELIA 5.5 – Quando si accende diventa imprendibile, oggi decide di farlo troppo saltuariamente. Da uno con le sue qualità ci si aspetta di più (dal 67′ SIMEONE 6 – Ingresso con la giusta garra per il Cholito, che si dà da fare in attacco tenendo ancora più bassa, se possibile, la difesa avversaria).

Lorenzo Liguori