Oro Rosso: Capodimonte e l’arte contemporanea di Jan Fabre

Postato da Redazione il 28/03/2019 alle 16:03 - Articolo letto

1

volte.
Capodimonte non come un museo, ma come una mostra perenne, che in questi giorni apre le porte all’artista di fama internazionale Jan Fabre. Oro rosso è il titolo della mostra che si inserisce, per allestimento e per soggetti scelti, in un contesto particolare, contrastivo e scioccante come quello antico della collezione del Cinquecento e del Seicento al secondo piano del Museo.  I pezzi scelti per la mostra sono capolavori lavorati con il corallo mediterraneo: spade, cuori e crani di sembianze organiche che riprendono la simbologia e i colori dell’arte cristiana occidentale, in un ‘accoppiamento’ traumatico con alcuni pezzi della collezione classica, come Pontormo, Bruegel, El Greco... Un allestimento, curato da Stefano Causa e Blandine Gwizdala, che associa antico e contemporaneo in un museo dove la sezione contemporanea fu inagurata nel lontano 1978 con la prima esposizione dedicata ad Alberto Burri. L’antico e il contemporaneo si fondono nuovamente, in accostamenti e confronti che hanno ‘un sapore particolare’, come hanno spiegato i curatori della mostra- ‘in un dialogo spesso scioccante tra gli antichi maestri, italiani e nordici’. Alla preview della mostra del 26 marzo seguirà un programma articolato in diverse sezioni in cui il tema Oro rosso fa da legante tra i diversi allestimenti:  Jan Fabre. Omaggio a Hieronymus Bosch in Congo, il 29 marzo, Studio Trisorio, Jan Fabre. L’uomo che sorregge la croce, il 30 marzo al Pio Monte della Misericordia, e Jan Fabre. L’uomo che misura le nuvole al Museo Madre, sempre il 30 marzo. La mostra d’oro e corallo è aperta al Museo di Capodimonte dal 30 marzo al 15 settembre. Daniela Cardone

Parliamone

Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI