Panico a Santa Lucia: anziano carbonizzato da un incendio doloso. Figlia fuori pericolo.

Postato da Francesca Di Vito il 29/01/2012 alle 22:01 - Articolo letto

354

volte.
In via Santa Lucia, a pochi passi dal palazzo della Regione, un doloso incedio ha tolto la vita ad Antonio Fiorillo. Inuitli i soccorsi, l'ottantaseienne è stato trovato morto all'interno dell'abitazione che divideva con la figlia. Diverso il destino della donna, immediatamente soccorsa e trasportata all’ospedale Fatebenefratelli, che ha riportato ustioni di secondo grado. Nella serata di ieri l'incendio ha travolto il civico 107, allarmando i vicini che sono subito intervenuti. "Abbiamo avvertito le urla e ci siamo precipitati. Non c’era niente da fare", così raccontano preoccupati. I Vigili del fuoco sono subito accorsi sul luogo per domare le fiamme, accompagnati dalle forze dell'ordine. Agli occhi dei vicini, Antonio e la figlia risultavano due persone riservate, e tutti si chiedono come sia potuto succedere. La stanza in cui si trovavano padre è figlia è stata completamente distrutta. Secondo le prime ipotesi a provocare l'incendio l'esplosione di una bombola di gas, molto probabilmente innescata da una sigaretta o una semplice scintilla, trovata accanto al cadavere carbonizzato. Non ci sarebbe nessun danno alle strutture portanti e per gli altri inquilini del palazzo nella strada tra le più famose e affolate di Napoli non c’è stato bisogno di lasciare le proprie abitazioni. Mentre i caschi rossi erano impegnati a spegnere le fiamme il traffico è andato in tilt, vista la zona già solitamente trafficata nel fine settimana. Restano gravi le condizioni della donna, sotto continua osservazione, seppur fortunatamente fuori pericolo.

Parliamone

Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI