I dipendenti Telecom in protesta contro i tagli, rischio per i posti di lavoro a Napoli e provincia

Postato da Redazione il 04/11/2016 alle 18:11 - Articolo letto

675

volte.

Giornata di protesta per i dipendenti della Telecom di Napoli che contestano il piano di riorganizzazione aziendale e i tagli avanzati dall'amministratore delegato Cattaneo, che rischiano di far saltare diversi posti di lavoro in tutta la provincia di Napoli e non solo. In particolare si contestano i tagli che verrebbero apportati alle remunerazioni dei dipendenti come l'eliminazione delle maggiorazioni per il lavoro nelle giornate festive; il blocco degli scatti di anzianità; l'eliminazione dei buoni pasto per i telelavoratori; la possibilità di demansionamenti professionali almeno di due livelli sia pure a parità di stipendio; l'eliminazione del mancato rientro (la minitrasferta) per i lavoratori tecnici esterni della Rete.

Tanti i dipendenti interessati da queste 'manovre' ad opera dei vertici per rientrare del deficit accumulata dalla ex società statale per le telecomunicazioni. I sindacati di categoria hanno programmato uno sciopero nazionale di un'intera giornata il 13 dicembre, preceduto da assemblee in tutti i posti di lavoro e da ore di sciopero articolate a livello locale.

Intanto le aziende che impiegano personale esternalizzato da Telecom hanno annunciato tagli del personale, in relazione ai tagli degli appalti deciso da Telecom Italia; per questo i sindacati hanno indetto uno sciopero nazionale di queste aziende per il 29 novembre, con manifestazione davanti alla sede della direzione generale di Roma.

Parliamone

Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI