IMMAGINANDO e Teatro Cilea presentano “Sono apparso a San Gennaro” di Federico Salvatore e Mario Brancaccio

Postato da Redazione il 25/10/2016 alle 09:10 - Articolo letto

299

volte.

La stagione 2016/2017 del Teatro Cilea si apre con la prima nazionale del nuovo imperdibile spettacolo di Federico Salvatore. Dal 27 al 30 ottobre 2016 andrà in scena “Sono apparso a San Gennaro”. Il regista Bruno Garofalo ci farà assistere ad un unicum nella storia artistica delle canzoni di Federico Salvatore: questa pièce teatrale, infatti, sarà una vera e propria "opera corale". Con Lello Giulivo, Mario Brancaccio, Patrizia Spinosi, Oscarino Di MaioGennaro Monti, Francesco Viglietti, Simona Esposito, Nicola D’Ortona, Luisanna Taranto, Antonio De Francesco e Tonia Carbone. Costumi Maria Grazia Nicotra; scene Bruno Garofalo; coreografie Enzo Castaldo; orchestrazioni e arrangiamenti M° Ciro Barbato. Produzione IMMAGINANDO con la collaborazione organizzativa di PRAGMA SRL. Regia Buno Garofalo.

La scena rappresenta una piazza nella zona del porto di Napoli dove il dialetto si fa strumento di espressività teatrale con evidenti richiami alla commedia dell’arte. A popolare la piazza sono figure (attori, attrici e ballerini-mimo) tratte dai vari strati sociali in cui gli aspetti della vita diventano loro stessi commedia. Sopra di loro si muove il matto del quartiere, il barbone, il diverso, interpretato dallo stesso autore, che, libero da ogni convenzione, fotografa lucidamente il mondo intorno a lui. Il cantattore Federico Salvatore riveste di teatro i suoi successi televisivi. Ripercorre la sua storia musicale, sceneggiando alcune canzoni (Ninna nanna, Incidente al Vomero, Babbo è avvilito, Donna Amalia, Tarantella all’acqua pazza, l’inedita Sono apparso a San Gennaro etc…) che, già di per sé, possono considerarsi delle micro-sceneggiate, o vere e proprie rappresentazioni di un genere popolare.

federico-salvatore

NOTE DI REGIA Mario Brancaccio, nelle sue note di coautore cita un genere, “La Commedia dell’Arte”, e non lo fa a caso. Questa antica e mai dismessa forma realizzativa e interpretativa è alla radice di tutto quello che poi è stato il nostro modo di fare Teatro, un modo che ha connotato il teatro all’Italiana, terreno che ha dato vita a vari generi che tutt’ora compongono un panorama unico al mondo... Dai “rami” della Commedia, discendono modi più o meno nobili, colti e popolari, che nel corso del tempo sono stati definiti come “Opera Buffa”, “Cabaret”, “Rivista” e “Avanspettacolo”, farse e commedie di genere, teatro cosiddetto “Dialettale” opere in musica che rasentano il “Musical” ma che in Italia non hanno abbandonato la parte in prosa, che fa del nostro teatro musicale un genere unico e particolarmente fruibile nella comprensione dello spettatore. Gli stessi nostri grandi “Chansonnier” ne hanno subìto l’influenza, ammantando le loro opere di contenuti e di interpretazioni sempre molto vicine al teatro, a quel recitar/cantando mai fine a se stesso, dove argomenti, satira, dissacrazione, ironia, critica, sberleffo, hanno sempre avuto importanza basilare. Senza citare i notissimi esempi del passato, la tradizione si rinnova incarnata ai nostri tempi in Federico. Federico Salvatore sin dai tempi delle sue prime apparizioni televisive ha stupito, divertito, incuriosito, ogni platea, con il suo saper essere poeta, musicista, attore, fustigatore di pregi e difetti dei suoi conterranei, eleggendo però questi modelli a simboli universali di comportamento, molto spesso usufruendo della Lingua Napoletana che gli è congeniale, ma solo per colorare le sue parole di  un valore aggiunto, apprezzato e compreso a qualunque latitudine, in quanto acuto indagatore di vizi e virtù che possono definirsi nazionali, anche se   il “modo” il linguaggio, lo stimolo ha sempre un’origine visceralmente Sudista, per quell’istinto innato che muove il Nostro, quello di rivendicare valori e appartenenze  indiscutibilmente nostri, spesso calpestati, vilipesi, negati dai corsi non sempre onesti della storia d’Italia. Questo suo essere “Giullare” ma non di corte, bensì di popolo, gli permette qualunque licenza, le parole più oscene non sono mai volgari, le sue convinzioni sociopolitiche sono incontestabili, la simpatia espressa nell’esibirsi è coinvolgente, ci fa tutti  complici del suo essere “ragazzaccio” come solo lui sa essere con quell’aria da Clown stupito, amareggiato, divertito, malizioso, furbo, arguto, compreso ed a volte commosso nel suo calarsi nelle vicende sempre tragicomiche della nostra balorda Umanità. L’idea di esaltare tutto questo rivestendo le sue canzoni di parole e teatralità che ne esaltassero i contenuti, è stata realizzata con lieve e divertita ironia da Brancaccio e da lui stesso, creando un filo rosso che leghi una selezione sia pure necessariamente limitata della sua infinita ecclettica  produzione, ed a me è toccato il compito di coordinare tutto questo su di un palcoscenico, quella che a volte viene pomposamente definita “regìa” è per me questa volta mettere con divertito entusiasmo,  la mia esperienza al servizio di un’idea che già da sola è spettacolo, è musica, è teatro. Ad ogni ascolto i brani mi rivelano qualcosa in più, le parole scorrono e si compongono da sole nell’esaltare i contenuti, una schiera di Artisti di grande levatura si sono schierati non dietro né davanti, ma al fianco del Nostro, coinvolti tutti allo stesso modo nel fare proprio questo irriverente modo di divertire, coinvolgere, far riflettere… Il motto araldico di Federico Salvatore potrebbe essere “Castigat ridendo mores” frase antica tradotta letteralmente dal latino, che significa: "corregge i costumi ridendo". Ho immaginato questa messa in scena come una “Sarabanda” Di voci, luci, suoni, più vicina ad un circo fantastico piuttosto che ad una commedia con musiche, ho individuato il ritmo, l’allegria, la furiosa verve di ogni brano come uno schiaffo, un fuoco d’artificio, una pacca amichevole sulle spalle del vicino, uno sberleffo  senza soluzione di continuità, una scossa della quale si ha bisogno per riflettere e comprendere, e questa sarà la cifra dello spettacolo a cui tendo, girandola di colori e sorriso a non finire, a volte divertito, a volte amaro, ma sempre intelligente come abbiamo saputo fare sino ad ora, per “tradizione” e mai come questa volta nel recupero di una cultura  che vive nel DNA dei nostri Artisti, che non smette mai di rinnovarsi,  se non addirittura di sopravanzarci a volte, sviluppata sulle tavole di un palcoscenico, in un rituale magnifico che non smetterà mai di stupirci. Bruno Garofalo

federicosalvatore

Nel borgo marinaro di fantasia troveremo i seguenti personaggi: DON GIOVANNI de MISÈRIS, poeta- barbone- girovago VINCENZO, detto Ponienfaccia, usuraio * BIAGIO, operaio in cassa integrazione MARIA, sua moglie GIANNI, loro figlio CINZIA, loro figlia PROCOLO, pescivendolo di Pozzuoli STRATO, suo aiutante VITTORIO, transessuale detto: ‘a Tangenziale GISELLA, avvocato in carriera ALBERTO, suo marito AMALIA, padrona del caffè “Santa Lucia” DIMITRI, giovane cameriere ucraino OTELLO, mendicantante di strada GENNARO, africano venditore ambulante ALFONSO, operaio comunale GENNARO, operaio comunale DE BELLIS, classico figlio di papà *

Teatro Cilea Via San Domenico, 11 - Napoli

Ester Veneruso

Parliamone

Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI