Terracina: due giorni di storia, arte e musica “Tra i Vicoli di Galba”

Terracina tra storia, arte e musica vive forti emozioni  presentando un nuovo evento culturale che,  il 6 e il 7 gennaio al teatro del liceo Leonardo da Vinci di via Pantanelle, presenterà al pubblico convegni, letteratura e suggestive fotografie di una rassegna realizzata dall’associazione culturale “Ecco Fatto”. Terracina rivivrà in modo innovativo la vera storia dei vicoli del centro storico grazie a  ” Tra i Vicoli di Galba” una due giorni che riporterà alla luce ricche ed intense emozioni del passato rimaste impresse per secoli nei ciottoli delle strade e delle piazze, nei palazzi, nella cattedrale e nei ruderi di un vicolo intitolato all’imperatore natio di Latina che successe a Nerone: Sergio Galba.

Il pubblico sarà catapultato in un’ avventura ricca di riflessioni e scoperte inedite sulla storia di Terracina e, grazie alla  mostra fotografica,il premio letterario, lo spettacolo teatrale e la musica, l’esperienza tra le radici storiche di una gloriosa Terracina sarà davvero unica. Dopo l’incontro dal titolo “Villa Salvini: Riparo Paleolitico, Terme romane e Chiesa Templare: dai saggi ai romanzi”, la presentazione del libro di Roberto Ippolito: “Il Belpaese maltrattato” a cura del Rotaract Terracina-Fondi.Al centro della rassegna  sarà inoltre presentato il Premio Letterario Sergio Galba che premierà il romanzo “Il lupo e la luna” del giornalista siciliano Pietrangelo Buttafuoco, mentre Vittorio Sgarbi  per la saggistica regalerà scorci del suo ultimo libro “Piene di Grazia”.

La rassegna patrocinata e finanziata dall’Assessorato ai Fondi UE e ai Centri Storici della Provincia di Latina (Assessore Davide Minchella), con il patrocinio di Confindustria Latina, Terracina d’Amare, l’associazione Eventi, il Comune di Terracina e il sostegno dell’Albergo Mediterraneo invita tutti a partecipare a “Tra i Vicoli di Galba” un evento importante per scoprire ed amare la storia, il sangue e le radici di tutti noi.

Progetto, interviste e montaggio video: Irene Chinappi

Riprese: Massimo Lerose

http://www.youtube.com/watch?v=vFRxb0uLo0E&feature=related

About Dario Aloja

Nato a Napoli, nel 1982, nel quartiere "Arenella", a metà strada tra il centro storico e la moderna zona collinare, Dario Aloja vive, da subito, le forti contraddizioni di una città divisa tra le nostalgie di un passato di capitale europea e un presente di metropoli labirintica, che ingoia sogni e speranze delle nuove generazioni. Come tanti giovani del terzo millennio, Dario avverte l'abisso che divide l'odierno modello capitalistico, che mondializza i totem tecnologici di una società alienante e disumanizzante, e le ragioni del cuore, il bisogno di gridare al mondo le esperienze del proprio vissuto, le emozioni dell'incontro con "l'altra metà del cielo". E questo magma incandescente di pulsioni, stati d'animo, sentimenti, affiora in superficie, diventa sfogo lirico, si fa "Pelle Libera".

View all posts by Dario Aloja →