I Castelli d'Irpinia abbandonano il Castello di Napoli

Si chiude oggi la mostra dal titolo “Castelli d’Irpinia, set cinematografici tra natura e storia”, ospitata nell’affascinante cornice di Castel Sant’Elmo, il maniero che domina la città di Napoli, in occasione del Napoli Film Festival 2011. Frutto di  tre anni di lavoro sul territorio della provincia di Avellino e occasione per presentare l’inestimabile patrimonio storico-architettonico costituito dai siti d’incastellamento presenti in Irpinia. L’Irpinia, con i suoi tesori d’arte e d’architettura, le antiche chiese e gli imponenti manieri, con i limpidi corsi d’acqua e i boschi d’incredibile bellezza, con le tradizioni salvaguardate per secoli dagli abitanti locali, si presenta come un set cinematografico già allestito, pronto per la macchina da presa. Un’ambientazione ideale in cui girare documentari, fiction e film, soprattutto di carattere storico, opere che potrebbero trasformarsi in volano del turismo, della cultura e dell’enogastronomia della terra d’Irpinia, nonché di tutta la Campania. Giuseppe Ottaiano, imprenditore e art director di SEMA, agenzia di comunicazione integrata, diventato fotografo per passione, da questa riflessione ha messo in atto l’idea di realizzare una mostra fotografica dedicata all’elemento del paesaggio irpino che ne rappresenta quasi il marker genetico: i castelli.

Senza dubbio la mostra ha rappresentato uno dei momenti migliori del Napoli Film Festival, ed in particolar modo la serata di venerdì 14 è stata decisiva nell’affermazione del valore della verde Irpinia nel mercato campano.

La Mostra chiude così con grande successo di pubblico e attenzione di stampa i battenti presso il maniero napoletano, però, non ha nessuna voglia di tornare a casa, anzi proseguirà il suo tour per la campania presso nuove e suggestive location.

Non ci resta che aspettare i prossimi sviluppi e prepararci a nuovi viaggi.