L’Albero di Natale della musica napoletana da un’idea di Gianni Simioli

Si accenderà magicamente venerdì 8 dicembre alle 17.30, toccherà gli 8 metri di altezza e sarà il primo albero di Natale di Napoli decorato con addobbi in stile pop art. una vera e propria opera d’arte Ideata e progettata da Gianni Simioli, show man, comunicatore e voce storica della radiofonia italia (RTl 102.5 e Radio Marte) che l’ha pensato appositamente per il Gran Caffè Gambrinus di Napoli. La città dei presepi è pronta ad accogliere l’albero natalizio che vede la collaborazione grafica di Luca Coppola “Stellina”, la produzione tecnica della Jesce Solee l’aiuto iconografico della Fondazione Bideriche ha fornito le foto degli artisti. Nata dall’omonima casa editrice fondata da Ferdinando Bideri nel 1876, la Fondazione è detentrice di un immenso archivio storico contenti strumenti musicali, spartiti e altri oggetti d’epoca utilizzati nelle attività di promozione della cultura musicale della città di Napoli.

40 “palle” decorative ognuna dedicata ad un grande artista napoletano che ha contribuito a rendere famosa, in Italia e nel mondo, la cultura musicale partenopea.

L’idea di un albero di grandi dimensioni, in grado di illuminare la magica Napoli, è legata alla forte passione dello speaker napoletano per la famosa pellicola firmata Luciano De Crescenzo dal titolo “Così parlò Bellavista”. Nella celebre commedia Il Prof. Bellavista (interpretato da De Crescenzo) espone la sua idea di differenza tra albero e Presepe: “Gli uomini di libertà preferiscono l’albero di Natale, gli uomini d’amore preferiscono il presepe, e noi napoletani siamo un popolo d’amore”.

Una differenza culturale originariamente geografica che Gianni Simioli ha sempre desiderato eliminare creando un simbolo che potesse unire i due popoli, quello d’amore e quello di libertà. La creazione dell’albero luminoso rappresenta un omaggio alla città e ad una lunga tradizione natalizia che non ha mai consesso il giusto spazio alla sua immagine come icona del Natale per mantenere i riflettori sui famosi presepi.

Le luci dell’abete brilleranno fino al 13 gennaio 2019 davanti al Gran Caffè Gambrinus, nella cornice di Piazza del Plebiscito e del Teatro San Carlo. Il popolo si raccoglierà per un evento unico dove gli addobbi artistici sprigioneranno la loro luce partendo dal cuore per diffonderla in tutta la città. L’immagine dell’immensa storia di Napoli rifletterà grazie ai nomi che hanno portato la sua fama in tutto il mondo con le canzoni e le poesie più belle di sempre. Un evento fortemente sentito dal Gran Caffè Gambrinus che da più di cento anni accoglie nei suoi regali saloni i personaggi più famosi della cultura partenopea.

 

L’evento è organizzato con la collaborazione di GT Officine del Computer e l’antica Distilleria Petrone