Mele-Lione-Esposito (UGL): La vicenda Atitech sembra non finire mai!

Postato da Redazione il 13/05/2017 alle 00:05 - Articolo letto 297 volte.

Il mancato consenso scaturito dal referendum dei lavoratori Alitalia, oggi coinvolge gli indotti e di conseguenza anche Atitech, che oggi vede la sua capacità produttiva espressa da un abbondante 65% di attività di manutenzione svolta per conto di Alitalia e un 35% di terzi, subisce passivamente il bloccarsi in modo drastico ed a tempo indeterminato, delle attività di manutenzione, che il Governo in qualche modo ha detto di garantire nonostante il Commissariamento imposto. Il risultato di scelte, molto opinabili e fatte in altri luoghi e da altri lavoratori, per le maestranze lavoratori di Atitech, è catastrofico, e viene pienamente espresso in quelle che sono le scelte adottate in questi giorni dal management di Atitech. Ovvero l’uscita in Cassa integrazione per almeno il 90 % dei lavoratori di Atitech con conseguenze drammatiche per le circa 550 famiglie degli stessi.

Dichiara Mario Espositosegretario delle RSA UGL di Atitech SpA: “La motivazione  di tale scelta adottata dal Management di Atitech  può essere capita ma non condivisa, e anche fino ad un certo punto, la preoccupazione del Management a seguito dei blocchi nei pagamenti per le manutenzioni sinora sviluppate e consegnate da Atitech,  ad Alitalia , hanno un importanza fondamentale per la sussistenza dell’Azienda stessa, visto gli importi che si aggirano sui 4/5 milioni di euro ,ma soprattutto e la mancanza di  certezza di espletare ulteriori manutenzioni della flotta nel breve periodo, nonostante l’esclusività del contratto delle manutenzioni per il medio raggio , non può rassicurare i lavoratori di Atitech. Il dramma dei lavoratori Campani di Atitech , uniti ad un unico filo con le sorti dei lavoratori di Alitalia. I lavoratori Campani ancora una volta si mobiliteranno con tutte le forze affinchè venga garantito ciò che ai suoi tempi in un Accordo Ministeriale venne firmato, la manutenzione  del Medio e Lungo raggio su Napoli in Atitech, un tassello fondamentale per garantire un futuro ai lavoratori di Atitech che ricordiamo, nonostante la scelta di outsurcing dal perimetro Alitalia , scelsero con sacrificio di affrontare la sfida della Newco e del mercato della concorrenza nelle attività di manutenzione Aeromobili”.

La Cigs per ristrutturazione aziendale cesserà agli inizi di luglio 2017, e non osiamo pensare quello che  è lo scenario che si prospetterà per i lavoratori di Atitech , a tal fne invitiamo le istituzioni campane , il sindacato Nazionale e i Commissari di Alitalia , di considerare Atitech una ulteriore ed importante casella del domino di problemi che sta causando la vicenda Alitalia“: afferma il Segretario Regionale UGL T.A. Pasquale Lione.

In questa vertenza non devono esserci lavoratori di serie A e serie B”; aggiunge Mario Mele Dipartimento Regionale UGL T.A.: “Tutti hanno gli stessi diritti e la stessa dignità e i lavoratori di Atitech Spa di Napoli Capodichino stanno contribuendo dal 2009 con propri sacrifici salariali al rilancio dell’azienda di manutenzione e devono essere la priorità da aggiungere nella vertenza Alitalia che, tra l’altro, vede coinvolti non solo i dipendenti del vettore aereo ma anche un indotto di quasi 30000 lavoratori in tutti gli aeroporti italiani di cui oltre 1000 lavoratori nella nostra regione“.

Michele Bellame

Parliamone

Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI